logo
Populate the side area with widgets, images, navigation links and whatever else comes to your mind.
18 Northumberland Avenue, London, UK
(+44) 871.075.0336
ouroffice@vangard.com
Follow us

SEO, PPC e Social Media

Aumentare le visite al proprio sito internet è la prerogativa di ogni attività online,  ma quale strumento utilizzare?

Sono molte le tecniche utilizzate per direzionare traffico al proprio sito internet ma la pubblicità pay per click (PPC) quale è Google Adwords, è considerato lo strumento più adatto. Vediamo i perchè confrontandolo con le due fonti di traffico alternative più importanti.

Il traffico organico (SEO, search engine optimization)

La principale fonte di traffico su internet sono i risultati organici dei motori di ricerca che gli utenti ottengono a seguito di una loro ricerca. Si possono ottenere moltissime visite dai risultati organici ma l’attività di ottimizzazione che permette la visibilità del nostro sito fra quei risultati, è molto complessa, richiede tempo ed è dinamica.

L’ attività SEO sul nostro sito è soggetta a molte variabili, tra le quali le modifiche agli algoritmi di indicizzazione che Google applica ormai con una certa regolarità. Tra questi, i più recenti Panda e Penguin hanno re-indicizzato l’intero web penalizzando molti siti in termini di ranking e per questa ragione spinto molti inserzionisti a favorire la pubblicità pay per clic (PPC) al SEO .

Ottenere traffico organico dai motori di ricerca è molto importante ma non è un risultato che si può ottenere facilmente ed in breve tempo.

Social Media

Una seconda fonte di traffico che alcuni inserzionisti scelgono al posto del PPC è il Social Media, particolarmente Facebook e Twitter. Tuttavia anche loro hanno i loro problemi.

Il PPC e’riconosciuto essere misurabile ed efficace offrendo traffico a basso costo (costo per clic), mentre su Facebook e Twitter (come altri social media al momento) i costi per clic sono di solito molto più elevati e con una minore precisione di targeting.

Il PPC non viene preferito ai social media solo in base al costo per clic ma anche in base al contesto nel quale l’informazione/annuncio verrà pubblicato: Facebook o Twitter sono “luoghi” dove perdiamo il nostro tempo e rinviamo decisioni, mentre sui motori l’utente attiva il processo di acquisto con la ricerca di informazioni che lo porterà a valutare i nostri prodotti o servizi.

SEM (search engine marketing)

Per SEM considero tutte quelle attività che prevedono l’utilizzo dei motori di ricerca per promuovere  un sito e le sue visite ai fini di un profitto. Tra queste attività il PPC è l’unica che offre all’inserzionista il completo controllo fino a decidere l’importo che si è disposti a spendere per ogni singola visita e che si traduce in traffico immediato al proprio sito. La sua gestione però è altrettanto sofisticata e se non correttamente applicata può rivelarsi molto costosa. Se vuoi ridurre i costi delle tue campagne pay per click e ottenere migliori risultati, consultami senza impegno.

Quale strumento utilizzate voi per ottenere più visite al vostro sito?