logo
Populate the side area with widgets, images, navigation links and whatever else comes to your mind.
18 Northumberland Avenue, London, UK
(+44) 871.075.0336
ouroffice@vangard.com
Follow us

Campagna Adwords limitata dal budget

Campagna Adwords limitata dal budget

Nel 2009 Google Adwords ha introdotto la funzione che ci indica quando dobbiamo rivedere i budget delle nostre campagne perchè queste offrano le migliori prestazioni o ci aiutino a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissi. Questa funzione si chiama “la tua campagna è limitata dal budget”.

Campagna Adwords limitata dal budget

Possiamo pensare con una certa malizia che questo avviso sia solo una “tattica” di Google per aumentare il proprio fatturato Adwords ma se analizziamo in dettaglio le nostre campagne potremo diagnosticare facilmente la ragione della sua comparsa.

Uno degli errori più comuni che ravvedo ogni giorno nel corso della mia attività di consulente Google Adwords è il tentativo dei miei clienti di inserire quante più parole chiave o gruppi di annunci nella stessa campagna e aspettarsi che Google distribuisca il budget dedicato a quella campagna nel corso della giornata. Ma il problema in questo caso è che ci sono, in ogni account Adwords, alcune parole chiave che “assorbono” la maggior parte del budget e sono proprio quelle che sembrano sempre attivare gli annunci.

Google basa molto della sua attività sui trends registrati precedentemente e se trova un paio di parole chiave che “funzionano” continuerà ad utilizzarle a scapito di parole chiave simili ma meno “performanti” anche se queste ultime rispondono più precisamente ai nostri obiettivi.

Da una ulteriore analisi di una campagna “limitata dal budget” emergerà che un gruppo di annunci assorbe gran parte del budget della campagna e altri che registrano volumi di traffico molto ridotti.

Cosa dobbiamo fare quindi in caso di “campagne Adwords limitate dal budget”?

Prima di aumentare il nostro budget (in ultima istanza) dovremo individuare quali gruppi di annunci o parole chiave consumano gran parte del budget giornaliero della campagna su base mensile.

E’ consigliabile creare una nuova campagna per quelle che sembra non ricevano clic o impressioni e mantenere le parole chiave più performanti nei loro gruppi annunci originali per non perdere i dati storici registrati sull’account fino a quel momento.

Analizzare le metriche a livello parole chiave per identificare i trend

Di solito in ogni campagna Adwords vi sono 1-5 parole chiave che consumano gran parte del budget giornaliero. Se queste parole chiave non generano conversioni o non sono importanti per gli obiettivi della campagna rappresentano solo un costo inutile e quindi il mio suggerimento è di metterle immediatamente in “pausa”, oppure di ottimizzarle al meglio (es. inserirle nei testi degli annunci, o, se non sono presenti nella pagina di destinazione, cambiare la url di destinazione degli annunci con la url dove queste siano presenti sul sito).

Di solito queste parole chiave hanno corrispondenza generica quindi producono molte impressioni e clic ma non il traffico qualificato che ci aspettiamo. Le parole chiave “a coda lunga” (composte da due o più parole insieme) cominceranno a pubblicare gli annunci con più frequenza e probabilmente genereranno più conversioni.

Credetemi, Google trova sempre il modo di farci consumare i budget giornalieri delle nostre campagne quindi mettiamo in pausa senza timore quelle parole chiave che non producono conversioni o vendite per il nostro business.

Sperimentare in Adwords premia sempre

Spostare le parole chiave a coda lunga o quelle a traffico minore in nuovi gruppi di annunci o nuove campagne non sempre garantisce performance migliori dei nostri account. Molti aumentano i budget giornalieri seguendo l’avviso di Google ma vi sono alcune metriche che possono aiutarci.

Per esempio analizzando le nostre offerte massime CPC e la posizione media delle nostre parole chiave possiamo adeguare le nostre offerte riducendole per le parole chiave meno utili ritagliando budget per quelle invece critiche (di solito quelle che producono conversioni).

Ci sono moltissimi modi per limitare o ovviare al problema “campagna limitata dal budget”, io ne ho indicati solo alcuni. La pubblicità  pay per clic richiede continua sperimentazione e ottimizzazione, quindi cerchiamo sempre di provare nuove e alternative strategie.